Categoria: ‘giornalisti del cazzo’

Anniversario della caduta del Muro di Berlino. Banda di testo sotto le immagini del TG5: “IL MURO SOPRA BERLINO”. La giornalista parlando sulle immagini e sul testo suddetto: “Il muro quel giorno crollò”. Deduzione logica: vennero spiaccicati al suolo tutti i Berlinesi. Come diceva Obelix: il cielo ci cade sulla testa (vuota capitalista e occidentale). — (c) apolide sedentario 2019 DOWN DOW FOREVER 34 grazie Wim Wenders e Peter Falk

Anastasiya e le foto di Amanda, le copertine dei magazine, quando era bambina.
Amanda che beccia, Amanda che seduce, Amanda che c’ha il ragazzo.
Amanda pornazzo soft.
Da granda vorrei diventare come Amanda.
Con quella seduzione acqua e sapone, quella faccina da americanina, pure se sei romena, da granda puoi diventare come Amanda.
Le copertine dei magazine. Sesso sangue soldi. Capitalismo, organo ufficiale dell’era contemporanea.
(Avvoltoi ritornano, come magnaccia)


(c) apolide sedentario 2019
DOWN DOW FOREVER
34

Piccola collezione di alcune fake news di regime sulla Madre di Tutte Le Feic: USTICA!

1)”E’ stato un missile lanciato da caccia israeliani ad abbattere il Dc 9 Itavia, il 27 giugno 1980, con 81 persone a bordo: questa nuova ipotesi sulle cause del disastro di Ustica è sostenuta in un libro di Claudio Gatti e Gay Hamel dal titolo “Il quinto scenario”. Secondo la ricostruzione dei due autori, Israele avrebbe inviato due Phantom dell’ aeronautica militare ad intercettare un aereo civile che trasportava uranio arricchito, destinato alla centrale nucleare, in Irak.” (La Repubblica 5-2-1994)
2)”Vincenzo Muccioli giura di non meravigliarsi più di niente: <<Ormai diranno che ho fatto la strage di Ustica. Mi aspetto di tutto.>>” (La Repubblica, 6-11-1994)
continua … »

LASTAMPA-eranoturisti-percasopuntoorg

…Erano turisti ???
Percaso?
Puntoorg?
Roma, Firenze e Venezia tremano e chiudono le filiali.
D’androcchia.


(c) apolide sedentario 2019
DOWN DOW FOREVER
34

 

 

 

 

Fake news del quotidiano socialista L’Avanti il 10 maggio 1978, giorno seguente all’omicidio mafioso di Peppino Impastato:
“Attentatore dilaniato da una bomba. Esponente di DP voleva far saltare la linea ferrata Trapani-Palermo?”

Fake news del settimanale Cronaca Vera quello stesso giorno:
“E’ saltato in aria da solo”

(Peppino Impastato fu ucciso dalla mafia per le sue trasmissioni di satira radiofonica, e il suo cadavere piazzato sui binari ferroviari)


(c) apolide sedentario 2019
DOWN DOW FOREVER
34

 

GE NO VA 20 LUGLIO 2001:
Fake news ripresa dai cameraman presenti in Piazza Alimonda, registrando l’urlo di un travisatissimo agente d’ordine pubico inseguente un manifestante pochi istanti dopo l’assassinio di Carlo Giuliani a Piazza:

“SEI STATO TU CON IL TUO SASSO”

(Carlo “Carletto” Giuliani fu sparato in faccia sotto l’occhio sinistro da un mai identificato altro agente, e vicino al suo cadavere vilipeso dalla camionetta che lo investì due volte altri agenti ancora piazzarono delle pietre per avvalorare la tesi del “sasso lanciato in testa da un altro manifestante”)


(c) apolide sedentario 2019
DOWN DOW FOREVER
34

ci siamo tutti rimasti con te piccolo Dr Hoffman di Scorch

Fake news del Segretario di Stato Statunitense generale Colin Powell, Assemblea dell’Onu, 5 febbraio 2003:
“Quando l’Iraq ammise finalmente di avere queste armi nel 1995, le quantità erano grandi. Meno di un cucchiaino di antrace in polvere, un po’ meno di questa quantità [disse mostrando la fiala] – questo è più o meno un cucchiaino – meno di un cucchiaino di antrace in polvere in una busta fece chiudere il Senato degli Stati Uniti nell’autunno del 2001. Molte centinaia di persone furono costrette a ricevere cure mediche di emergenza e due impiegati degli uffici postali furono uccisi solo a causa di questa quantità, più o meno, chiusa dentro una busta.”

(in seguito all’esposizione di quella bustina di zucchero poi comprovata non contenere alcuna antraccia di antrace, scoppiò la ventennale Terza Guerra Mondiale, per coerenza di “fakeismo” mai definita con il suo vero nome)


(c) apolide sedentario 2019
DOWN DOW FOREVER
34

 

Fake news di Bruno Vespa al TG1 del 16 dicembre 1969:
“Pietro Valpreda è un colpevole, uno dei responsabili della strage di Milano e degli attentati di Roma. La notizia, la conferma, è arrivata un momento fa qui, nella Questura di Roma.”

(in seguito morì Giuseppe Pinelli, innocente quanto Valpreda, volando giù dal quarto piano del medesimo edifico da cui Vespa parlava quella sera)


(c) apolide sedentario 2019
DOWN DOW FOREVER
34

 

Non vi risparmio uno sberleffo allo “Speciale Risparmio” della rivista “Oggi”(unbelgiornodi) del 29/11/08.
La brillante anal istat Fiorina Capozzi sotto il titolo “Che succede se l’Itaglia esce dall’euro” (e concludendo l’anal isis con un “In concreto, potrebbe chiudere un negozio su quattro” che – a parte la vacuità dell’affermazione in sé – allora dovrebbe far da finale a un pezzo intitolato “Cosa succederebbe se…”) sostiene che l’uscita dall’euro comporterebbe un ritorno alla situazione inflazionistica del 1980 (21,06% di inflazione).
Nel 1980 con 500 lire la mattina prendevo l’autobus (oggi 3,50 euro) andavo alla cittadina dove c’era la Scuola e prima di avviarmici passavo da un bar dove acquistavo a 50 lire un trancio di pizza (oggi 2 euro minimi) e un vecchietto in cambio dell’andargli a comperare le sigarette mi offriva le 100 lire per la partita al videogame arcade del bar.
Nel mondo degli adulti, Craxi lanciava la Milanodabere, i suoi ministri ballavano sino all’alba in discoteca rovesciando bicchieri di cocktail, e iniziava il decennio passato alla storia come Era della Frivolezza e della Goduria.
Fiorina Capozzi: resta pure nell’eurozona deinflazionata. Ma se passi davanti a me, per quanti siate, o cosa portiate, o cosa dove andiate, sappi che pagherai pegno: “Una Fiorina!”.


(c) apolide sedentario 2019
DOWN DOW FOREVER
34
si ringraziano gli autori del capolavoro cinematografico “Fiorina La Vacca” per la consulenza culturale sul giornalismo nazionale

 

Festa della resisBenza al 25 aprile ligure 2016.
Eludendo le trivellazioni referendarie, il potere capitalista decide di inondare di petrolio il Mar Ligure imminentemente estivo senza neanche far pozzi o piattaforme.
L’informazione locale e nazionale riduce il tutto a “un incidente sotto controllo”.
Ma sulle spiagge del Ponente Ligure si raccoglie catrame, e enormi chiazzoni neri sono visibilissimi in mare (le telecamere dei tg, sempre pronte a mostrare le farfalline di belen ma non le falle petrolifere contro Beleno, non mostrano immagini se non di ruspe al lavoro sul Polcevera).
Bagnanti in prenotazione non credete alle palle dei coglioni che non contengono sperma bensì pieni di benzina dei Potenti per tacere giornalisticamente.
BRIGATE NERE DI PETROLIO – FASCIO E’ IL CAPITALISMO DEMOCRATICO


(c) apolide sedentario 2016
DOWN DOW FOREVER