Categoria: ‘chi lavora avvelena anche te’

Festa della resisBenza al 25 aprile ligure 2016.
Eludendo le trivellazioni referendarie, il potere capitalista decide di inondare di petrolio il Mar Ligure imminentemente estivo senza neanche far pozzi o piattaforme.
L’informazione locale e nazionale riduce il tutto a “un incidente sotto controllo”.
Ma sulle spiagge del Ponente Ligure si raccoglie catrame, e enormi chiazzoni neri sono visibilissimi in mare (le telecamere dei tg, sempre pronte a mostrare le farfalline di belen ma non le falle petrolifere contro Beleno, non mostrano immagini se non di ruspe al lavoro sul Polcevera).
Bagnanti in prenotazione non credete alle palle dei coglioni che non contengono sperma bensì pieni di benzina dei Potenti per tacere giornalisticamente.
BRIGATE NERE DI PETROLIO – FASCIO E’ IL CAPITALISMO DEMOCRATICO


(c) apolide sedentario 2016
DOWN DOW FOREVER

 

Io sottoscritto e sopralamediascrivente Apolide Sedentario autocertifico d'essere un barbone e mi costituisco all'autorità con peto ente per esser iscritto al "REGISTRO DEI BARBONI" istituito dall'ennesimo "paqqetto siqurezza" dello Stato del cazzo.
Mi avete registrato? E allora registrate anche questo: morte allo stato e cazzinegri in culo a tutte le mogli dei funzionari statali addetti alle registrazioni.
Partita iva? Arrivata a fanculo? Restaci.
 

(c) Apolide Sedentario 2009
DOWN DOW FOREVER
giornalisti del cazzo
chi ha votato è sciemo

Detto che piangere sul gpl versato è davvero una coccodrillata del Sistema, e che la concatenazione globbbale di responsabilità è il crimine contro l’umanità detto appunto “denaro”, mi limito a sputtanare quel puttaniere sparaputtanate di Altero Matteoli, minestro dei trasporchi, nelle sue dichiarazioni a caldo (torrido, direi, visti i bruciati vivi di Viareggio) il giorno dopo la strage:
continua … »

Proprio una bella coppia di “compagni” han scelto i sinda(mente)catti per l’annuale rassegna lateranal di “musicisti alternativi” (traduzione: che alternano spesso ostriche e champagne): Castellitto e Gerini, mei cojoni…
continua … »