Sedetevi sulla vostra pigrizia idealistica che vi racconto una storiella moralistica.
Vi racconto come è nato questo sito.
C’era una volta il 2000 (e il bug annesso fasullo oppure feic come ci dicono adesso).
L’anno prima si organizzava a Imperia un Festival della Libera Espressione.
Erano gli anni che Asia Argento era una supervippa ovunque a fare manifestazioni di sregolatezza, tanto da anche firmare manifesti per la Libera Espressione, ed esser contattata affinché fosse ospite di quell’evento (presenti poi Freak Antony e i suoi Skiantos nonché Alberto Camerini).
Non sapendo come contattare la rampolla della Famiglia Horror, trovo un di allora “forum ufficale” nel sito della stessa.
Posto che non si diceva ancora “posto”, posto un mio appello ad Asia che mi scriva per invitarla al Festival.
Asia mi dice un “ciao” e fa capire che mi contatterà.
Quel forum fioccava di “ciao” e di “sei bella” e poco altro più. E io ragiovano: ma se chi segue Asia sa solo dire “sei bella” o poco più dove andremo a finire poco meno?
Unica forte eccezione a quella sequenza di “saluti e baci” era un “disturbatore” (oggi direbbero “troll” oppure “hater”) che qui là bestemmiava.
Apriti cielo. Bestemmiava. Scendano fulmini. Sul sito di una autodichiarata “maledetta”, costui bestemmiava nientemeno. Caterve di insulti dai peluche di Asia verso il disturbatore.
Io provo a dire che nel sito di una ribella la bestemmia se non proprio eleganza è comunque accettabile coerenza.
Sfilza di insulti pure contro me. Meno da parte del Disturbatore e di un altro utente ancora più bislacco.
Il quale mi dice che ci perdo tempo a difendere idee sul sito di Asia, e che piuttosto un sito lo apre lui pur di lasciarmi esprimere.
NEL GENNAIO SUCCESSIVO NASCE TURISTIPERCASO.ORG
Intanto Asia mi scrive sulla e-mail. Ma il tono non è risposta a quel mio invito serioso e argomentato per partecipare al Festival. Piuttosto è un ammiccamento molto glam-seduttivo.
Asia non mi ha mai visto, sono uno che le scrive sopra un forum del pre-duemila. Ma nella sua prima e-mail c’è solo ammiccamento erotizzante.
Le rispondo freddamente che stiamo parlando di un Festival di Idee e ribadisco le argomentazioni.
Lei (che inizialmente aveva aderito al Festival in intenti) mi risponde che sta girando il suo primo film porno e non potrà presenziare.
In quegli stessi esatti anni un tal produttore ammmericano Weinstein come consolidata prassi dello starsystem da Marilyn a Madonna sino ad Asia la scopa (ma nel caso di Asia a sua insaputa), dice oggi Asia Bronzo sui giornali arrivando quarantesima all’appello delle attrici molestate.
Asia mi molestò proponendomi seduzione mentre le parlavo di Cultura? Se vuoi che vengo al Festival me lo dai?
Sindrome di Stoccolma? Io sto colma a Stoccolma o a Hollywood?

morale della verità (ché non è fiaba quella raccontata):
l’acqua calda viene ciclicamente riscoperta e qualcuno ci surfa

postscriptum: ho ancora le e-mail di Asia, qualora le saltasse il grillo cinquestelle di insinuare che sto inventando o “haterizzando”, visto che io le bestemmie le difesi, ma le parolacce ingl(cerebro)lesi non le so


(c) Apolide Sedentario 2017
DOWN DOW FOREVER
34
GRAZIE CUMPARE GUASTATORE DI QUEL FORUM CHE DA DICIASSETTANNI SEI PERCAOS IL MIO MEGAFONO

(dal Satiricon di Petronio Arbitro – al Var: Apolide Sedentario)

Ecco com’è il nostro popolo: a casa tanti leoni dei Lyons, fuori dall’uscio tante pecore Dolly.
Un tempo le donne benestanti andavano a piedi nudi con i capelli sciolti e il cuore puro a supplicare il cielo che mandasse la pioggia. Ora quelle stesse donne, coi loro tacchidodici e i capelli stirati e il culo in fuori, salgono ai piani alti quando piove, nell’alluvione rituale d’ogni anno.
Non ci sarebbe un paese migliore del nostro se avessimo degli uomini come si deve.
Ma in questo momento siamo in crisi, e mica soltanto noi. Intanto però tra tre giorni avremo un magnifico spettacolo: un bello scontro gladiatoriale tra precari della scuola, durante una lezione al Colosseo, in un reality snuff. Proibito il ritirarsi.
L’ex amministratore delegato che sponsirezzerà quel catch letale ha avuto trenta milioni di buonuscita: anche se spende quattrocentomila euro non se ne accorgerà nemmeno. E per di più passa all’immortalità della fama mediatica mondiale, col nuovo format real-gladiatoriale.
Ci sarà pure una donna, nell’arena. Sarà violenza estrema.

MORAGLIO DELLA FAVOLA: Duemila anni che non cambia un cazzo di priapo. Fate Vobis. Quo Vadis Ammerdam.


(c) apolide sedentario & petronio arbitro
riferimento bibliografico: Satiricon, 45.
DOWN DOW FOREVER & ROMA BRUCIA
34

 

– Secondo l’apposita commissione ministeriale, Matteo, apostolo e evangelista, di professione era esattore, ma pare uscì dall’Agenzia delle Entrate per seguire Cristo che se n’era andato senza pagare le tasse poiché non si riteneva proprietà di Cesare e non aveva con sé denari da mercante del Tempio. Per questo gesto di uscita dalle Entrate (senza timbrare il cartellino), Matteo venne poi inquisito per assenteismo, ma il martirio conseguente venne mistificato come dovuto alle sue scelte religiose.
– Chi vorrà una lastra fotografica dovrà pagare il ticket come per le altre lastre. E chissenefotte se finirà sul lastrico.
continua … »

– Paris Hilton verrà fatta esplodere divenendo Disparis.
– La Rai ha vietato alla Nannini di esibirsi nella nuova versione di Fotoromanza, dove il classico “questo amore è una camera a gas” viene aggiornato in un “questo amore è una cintura esplosiva”.
continua … »

Venne dunque fatto un pranzone al Quirinale, con mezzo governo ospite del Presidente. Tanto erano abituati al magnamagna, quei ministri ed ex quadri di partito, che neanche un pranzone di quelle dimensioni avrebbe sfamato l’intera formazione. Mezza sì, e quella ebbe il coperto e il copertone (offerto gratis dallo sponsor di quel catering per il cambio gomme dei loro macchinoni ministeriali).
Al pranzone si fece il punto ed il puntone circa il situato nonché la situazione. Tra un antipastone e qualche gran porzione d’altre portate e d’altre portatone.
Ma quando giunse il momento di arrivare (insieme al dolcione) ad una decisione, si scoprì tosto (con grande disappunto del premier Gentiloni) che non trattavasi della sede giusta per questo genere di consultazioni.
L’opposizione disse con ribrezzo: “Che scopertona: non è la sede giusta un tavolone non di contrattazione, ma di gozzoviglie e grandi libagioni, e solo dopo questa gozzoviglia si sono accorti che fosse inadeguata quell’abbuffata di stomaci panzoni?”.
Ma il Presidente colse l’occasione per suggerire di non attaccare a spron battuto questi convivioni, e usare l’arma della persuasione anziché le proteste e le illazioni: si punti il dito sulla dieta a punti elusa da ministri e istituzioni, e non solo le urla nelle Camere per manifestare la disapprovazione.

continua … »

– Su richiesta dei Progressisti Positivisti, Massa (città toscana alle pendici delle Alpi Apuane) verrà parificata al rapporto tra Energia e Velocitàdellalucealquadrato.
– Fiona May da saltatrice in lungo dovrà accontentarsi di gareggiare come saltellatrice in corto, balzellando appunto in un cortometraggio dedicato ai balzelli.
continua … »

– Già si sapeva che stare alla Nintendo non era un valido alibi per evitare d’essere aggrediti (l’aggressore direbbe evidentemente “che cazzo me ne fotte che n’intendi, sia che intendi o che n’intendi io t’aggredisco”). Tanto meno ciò può evitare un attentato. Il giocatore della Nintendo potrebbe dire “ha tentato? ma io scusi non mi sono accorto, stavo giocando, e poi io n’intendo”, ma il terrorista si incazzarebbe ancor di più.
– Hacker russi sono riusciti a girare video all’interno delle camere da letto dei principali Premier occidentali utilizzando una cam omilla.
continua … »

Alla fiera dell’Ovest per due cazzo di soldi ideologici
un topolino mio padre schiacciò con i suoi pattini.
E venne il gatto che schiacciò il topo col triciclo,
e venne il cane che schiacciò il gatto con la moto,
e venne il pirata della strada che sciacciò il cane con l’auto,
e venne l’animalista che schiacciò il pirata della strada col TIR
che al mercato mio padre camionista comprò poi usato per du spicci.


(c) apolide sedentario 2017
DOWN DOW FOREVER
34

 

 

– Larissa, città greca della Tessaglia, verrà sedata. Corsa all’appalto da parte delle ditte farmaceutiche specializzate in rincoglionenti psichiatrici. Ma il Governo precisa: non intendiamo farlo con i sedativi, più economici i dobberman. Esultano quindi gli allevamenti canini. Quanto all’effettivo sedare la rissa di Larissa, i Greci paiono poco ottimisti e commentano: “Tessagliò diire tra qualche anno se smettono di darsele o se menano pure ai dobberman”.
– Il Mayflower, imbarcazione con cui i puritani Padri Pellegrini raggiunsero gli attuali States, sarà retrodatato a Aprilflower per una questione di scadenze delle pratiche assicurative di navigazione.
continua … »

Venne proposta un’imposta sugli immobiloni. Nel senso che chi possedeva grossi appartamenti, o addirittura interi palazzoni, avrebbe dovuto devolvere i milioni dei propri profittoni quando affittati a inquilini o ad inquiloni (vedasi nel secondo caso quei pollitici che a loro insaputa hanno abitazioni).
Ma la sinistra estrema richiedeva una misura meno ingentilita: non ci voleva un’imposta sugli immobili di grosse dimensioni, ossia una piccola tassa edulcorata, bensì una vera impostona.
continua … »