Categoria: ‘General’


Stasera aggratis @Trescore Balneario (BG)  fiesta della birra








Aleister Crowley
è un personaggio scomodo anche da morto e questo è uno dei motivi che ce lo rende simpatico ed interessante. Anni fa avevamo letto un opuscolo “ Crowley ‘s mystery” ( Cefalù e il mistero di Crowley), edito dall’Azienda Autonoma Soggiorno e Turismo di Cefalù, dove apprendevamo la notizia di un imminente museo che si sarebbe intitolato al famoso mago inglese, che agli inizi degli anni venti soggiornò per un paio di anni a Cefalù dove in contrada Santa Barbara fondò la sua Abbazia di Thelema.
Crowley negli anni venti era già un personaggio famoso per avere avuto modo in diverse occasioni di “épater les bourgeois”, tanto che un giudice inglese, in una delle sue tante cause giudiziarie da lui promosse ed ancora a lui intentate, lo definì “ l’uomo più perverso d’Inghilterra”.
Nel suo soggiorno a Cefalù, in un angolo di paradiso allora incontaminato, che tra ginestre, olivastri, euforbie, ulivi, lentischi godeva di una vista sulla costa e sul mare, sulla montagna sacra, sulla rigogliosa vegetazione, sul panorama mozzafiato della  Cattedrale normanna, Crowley elaborò e mise in pratica alcuni dei suoi più importanti rituali magici secondo il cerimoniale della sua messa gnostica che trovò allora un più stabile fondamento nella magia sessuale.
L’Abbazia di Thelema, una rustica casa colonica in contrada Santa Barbara,  divenne pertanto un punto centrale e di riferimento per l’irradiazione della magia rossa e nera di Crowley, che ne affrescò le pareti interne con diversi dipinti ricchi di una simbologia magica, alchemica e cabbalistica.
Di questi dipinti ancora negli anni ’90, sia pure alquanto rovinati, restavano tuttavia tracce consistenti tanto che si pensò bene da parte del Comune di Cefalù di porre un vincolo sulla casa colonica, che avrebbe dovuto costituire<< il primo , importante passo verso l’acquisizione dell’edificio stesso, il suo restauro,ed infine verso la doverosa ed ormai improrogabile istituzione del Museo (Abbazia di Thelema) nel quale raccogliere i numerosi , preziosi reperti crowlyani.>>
A circa dieci anni di distanza dalla pubblicazione dell’opuscolo “Crowley’s mystery”, che ci informava sulla tutela imposta dal Comune di Cefalù sull’Abbazia nel 1990, abbiamo appreso  con stupore dal Giornale di Sicilia lo scorso giovedì 29 luglio la notizia che l’agenzia Casabella immobiliare mette in vendita per un milione e mezzo di euro la casa colonica abitata da Crowley, che per la sua cattiva fama, fu costretto ad abbandonarla con moglie, amanti e figli in seguito alla sua espulsione dall’Italia, voluta dal regime fascista  nel mese di aprile del 1923.  Lo stesso giornale riferisce che tra tetti crollati e sterpi qualcosa di misterioso della casa di Crowley è rimasto e su questo qualcosa l’agenzia immobiliare che si occupa della vendita vuol speculare per ricavare un malloppo di quattrini, anche se si preoccupa di precisare che la casa in questione per le condizioni di degrado in cui versa è tutta da ristrutturare.
Intanto ci si chiede dove sono andati a finire i numerosi cimeli crowlyani con i quali si doveva costituire il museo dell’Abbazia di Thelema. Sono essi ancora fruibili e custoditi presso case private di Cefalù ora che non si parla più della istituzione dell’apposito Museo di Thelema ?
Di questi cimeli Francesco Alaimo, giornalista e fotografo che si è occupato del patrimonio culturale ed ambientale della Sicilia, in un articolo contenuto nell’opuscolo sopraddetto ci aveva fornito un elenco, la cui descrizione comprendeva alcuni mobili del mago, tra cui una pregevole scrivania, alcune suppellettili del suo studio, “una cospicua ed estremamente interessante collezione di lastre fotografiche impressionate dallo stesso Crowley in varie parti del mondo”, una straordinaria mole di infissi dipinti dal maestro indiscusso dell’occulto.
Adesso che l’Abbazia di Thelema è messa in vendita che ne sarà di tali cimeli ?
La vendita della casa di Crowley a Cefalù di certo è l’atto più palese con cui a livello istituzionale ci si vuole liberare del lascito ingombrante della scomoda figura del mago nero, della Grande Bestia, come il maestro dell’occultismo contemporaneo definiva se stesso.
Certo i tempi sono cambiati rispetto a dieci anni fa quando il Comune di Cefalù poneva un vincolo sulla casa abitata da Crowley   e la locale Azienda Autonoma Soggiorno e Turismo pubblicava un opuscolo “ Crowley’s mystery” con scritti   di Francesco Alaimo, Aldo Gerbino, Pietro Saja, Francesco Carbone, Alessandro Dell’Aira.
Anche oggi come negli anni venti  del ‘900 in Italia si respira infatti un aria di regime che non sa che farsene di un ingente patrimonio artistico culturale di certo alternativo al volgare materialismo corrente per il suo incontestabile contenuto esoterico eterodosso che, per certi aspetti di un provocatorio anticonformismo in esso presenti,  turba solo il sonno inquieto di burocrati asserviti ai politicanti illiberali di turno.
..del politicamente corretto e scorretto me ne fotto.il negro è bianco ,hitler è un ebreo e divina è una commedia che fa schifo.
ho immaginato mondi improbabili e mai sostenibili .territori di caccia pesca sport dove l'amo trama con l'esca e il verme è sempre appeso.
New York
è un posto di schiavi.dall'alto di un gratta&perdicielo avevo le vertigini oltre che la nausea.ammiravo il sogno americano dall'alto di un cazzo con lo stesso sguardo che rivolgo a mestesso :provando pena.
Pena nel vedere immigrati perfettamente integrati nelle loro pizzerie con forni a legna e per le centinaia di negozi accatastati come bare di un cimitero di guerra terzomondista.
Srebenica punge la coscienza di tutti noi ci fa sapere B.o?bama nell'anniversario della strage dei serbosniaci guidati dal generale Mladic ai propri ex fratelli.
Il compagno Tito riposa in pace perchè sepolto -noi no.
Noi diciamo che la vita è bella in quanto breve e l'ipotesi dei 150 anni del ns psiconano a cura di don Verzè ci fa accapponare la pelle nonchè girare le palle.Che senso ha morire così presto?nel pieno di un eterna giovinezza scandita da viagra e botulino .che senso ha che il banana si mummifichi nel mausoleo privato quando un eroico e giovine padre parà si schianta al grido di avanti si vada ?.
strane cose succedono ma succedono. tutti i giorni.nn ci possiamo rallegrare ne intristire che la tristezza è una rima della felicità.
Io me ne frego. perchè la potenza è solo sessuale e il potere una merda ad orologeria anche se di ottima fattura.
Lo scontro di civiltà piega le menti placa gli ardori concupisce i traditori.La Cia scambia ostaggi con Anna La Rossa,la procace spia russa famosa per le sue scopate interessate e per i ridicoli segreti che portava con se dal letto.Una volta dissi che niente è ciò che non appare.mi sbagliavo.
L'apparire è funzionale alla forma che a sua volta alimenta una sostanza per poi generare profitto.
Sto facendo un bel compitino.redatto a prova di bomba e inequivocabilmente incomprensibile.é lo stile. quello vecchio che porta l'acqua al suo mulino che gira la ruota della fortuna mentre l'ascensore sociale rimane perennemente bloccato perchè privo di corrente e di pulsanti.
Yann Tiersen dicevo.l' abbiamo visto tutti che cazzo di concerto ci ha riservato.tutto elettrico ,senza un cazzo di piano e senza i pezzi che l'hanno reso famoso.tutti erano lì per amelie e il suo mondo ormai ridicolo, c'erano per l'estate del 78 e per quelle sequenze con la fisarmonica che ci hanno fatto piangere mentre ci si stringeva nelle proprie solitudini.
Io mi sono arrampicato sull'esterno dopo aver bucato il telo che impediva la visione a scrocco.due orchi in uniforme sono venuti per strattonarmi .ho detto loro che la strada è libera che nn esiste la proprietà e quando c'è è sempre un furto.Mi guardavano straniti chiedendo rinforzi ..la mia videocamera immortalava gli istanti di quel che potevano essere gli ultimi della mia vita: Tu nn puoi stare qua!!!
Io posso e devo stare qua !! la mia risposta e allora via di walkie gracchianti lingue arabe che chiedono rinforzi.casualmente il circolo arci che gestisce il posto ha ingaggiato per il lavoro di merda immigrati sottopagati ma nn clandestini.ieri per i gogol alla cassa ci stava una grazioza araba con il velo e alla spinatura della birra un orrenda,in quanto orrido, travestito con il trucco peggiore che mente mia bacata ricordi.
ma dicevo della sicurezza dell'insicurezza: vattene che ti spacchiamo la faccia.la mia ,di bronzo ascculturata,stava ritta come nell'immagine che porto nel mio profilo.sfida e ribellione unita allo sprezzo del e per il pericolo.Arriva uno dei capi .indossa t shirt lisa con uno smash fascism in rosso che lo rende un timido ridicolo.capello da crustone anni 90 nn mi guarda nemmeno .gira i tacchi di gomma lasciando basiti i 6 orchi che urlano devi andartene e io rispondo che se affanculo ci mando mia sorella oltre la tua.
Mi accorgo di aver superato un limite.il rispetto di chi nn centra e di chi lavora.ripongo il mio mezzo nella sacca e chiedo che si sono stato io a rompere le palle e la rete di recinzione.ho usato però le nudi mani,nessuna lama ,niente di contundente:solo il mio corpo.chiedo che sia punito per l'eternità e che se i cammelli passano dalla cruna dio è morto e i ricchi godono come ricci.
Mi chiedo perchè devo fare il mio show a bassa frequenza in un mercoledì da coglioni,perchè nn ho speso i miei 17 neuri per vedermi il francesino spettinato
sborare con l'effettistica dei suoi pedali per la chitarra e dei turnisti capaci seguire il maestro mentre delira frasi nell'idioma francese.Mi chiedo se ne valeva la pena mentre chino il capo e elemosino alle 23.00 un ingresso inglorioso tra le forche caudine di sbarre di recinzione.Sono un ex compagno dico alla signora delle arci e ho fatto la rivoluzione..mi sorride e mi dice: 10 euri ,di meno nn posso.dico lei che vengo da lontano e che il concerto è ormai finito…
mente sapendo di mentire dicendomi che è appena iniziato e durerà fino alla mezza. combatto come un resistente della resistenza all'esistenza passiva millantando conoscenze di spessore inverificabili e orgoglioso della nn appartenenza sputo il mio deca facendo entrare con me il mio silenzioso e timoroso compagno di sventura.Si aprono i cancelli mi fiondo nella folla e tempo di inquadrare l'anonimo viso di Yann con uno zoom da 30 x che il gig finisce.impreco la puttana di questo circolo vizioso ma tre bis mi tacciono per una buona mezzora.
tengo il cazzo in tiro e nn mi spiego il perchè.

^fine primo tempo^





rieccomi qua improvvisamente ,con le mani vuote piene di polvere di stelle.
nn splende il sole e nemmeno liete novelle.
un orgasmo di soffice pane e venerabile miserie. questo è quello.
eccomi qua :perfetta solitudine di agognata specie ,
miserabile maestro del tempo che fu ma nn è mai stato.
vorrei modificar quel che mi pare un impagabile ossessione.sconfitta .sonora e romantica perdita .
l'innocenza che si fa adulta specie genera un insopportabile emozione.vuoto e perdizione .
conclamata sensazione di nn appartenenza, di misera condizione dell'osservar di lato quel che c'è e quel che è stato.
Sconfitta.tradita da illusione cosmica che al sol pensier mi vien da piangere.lacrime di sale perchè salate sono all'apparir della labbra mia.
Oh mia adorata . oh perduto amor che nulla amavi perchè l'amormio nn perdoni. perchè fuggir dall'ardito mio incedere che nulla vorrebbe se nn toccarti il cor.
perchè balbettar parole quando la strada si fa sentier d'avventura cieca e focosa.
oh mio adorato cuore . perchè sussultar di carne e spirto quando l'anima mia si volge a te. perchè volgar sentir nella conclusiva quiete chiedi a me ,tuo peccator cortese nutrimento e gioia che nn posso dar.
Avessi 100 anni ti chiederei amore.oggi è dolore e pace.
Abbi cura di me. I don't care ,sono un bastardo.




la casa sembra reduce da una guerra.un bombardamento mirato da negligenza e pigrizia che genera mestizia e orrore.ci sono panni stesi dappertutto interi guardaroba segnano il territorio marcandolo come fanno i cani e le bestie da guardia. il corridoio centrale è disseminato da oggetti sparsi senza una logica.riviste flyer calzini supporti per videocamera batterie e oggetti per la bellezza esteriore.la cucina ha torri precarie di porcellane .le camere da letto appaiano quel che sono : zone off limits .
La mia schiena presenta lividi .Il pogo in infradito di ieri sera mi ha segnato pesantemente.potevo immaginare che i converge avrebbero chiesto un prezzo al mio corpo debilitato dalla fame di due gg. Jacob è il solito campione di pose e attitudine.nn si potrebbe chiedere altro a uno che tatuato quasi interamente viaggia tra i continenti con la stessa foga di quando era ragazzino.In prima fila ci sono le sbarbe e qualche fan della prima onda.tutti che vogliono tutto ma il sangue nn scorre.si surfa sulle teste e io rischio come sempre il male e il farmi è solo un accessorio .
Sudo felice di immortalare un viso familiare e amico.prendo botte senza menate e senza menare.farei male a pensare di vendicare la mia furia interiore su 100 corpi in una sera di festa.
Gli amerigani sono amerigani che se anche italico idiota l'esterofilia nn mi assale ma la comprendo.questi fanno brutto e si vede e sente.dispiace per le bande peninsulari tutta passione e sbattimento ma il gap in certi campi rimane ancora incolmabile.Il tempo della centralità della ns cultura è tempo passato.remoto se consideriamo il 60 e parte dei 70 come preistoria.recentissimo se confrontato con la storia millenaria della ns civiltà.che poi ci si gioca con le parole e il declino oltre che un gruppo è un dato di fatto.ma me ne fotto ,anche di fottere che tanto scopata in più o meno nn è che ho mai messo le tacche sul mio cazzo.



Potere alla parola..oh questi segni che sanno di tricolore…i motus stanno ad atene a cercare la'narchia noi ci buttiamo in paesini bergamaschi a farci di chinotto e di merda dorata.Tuono pettinato si lucida la barba consapevole di avercela ,quasi ,fatta.pubblica per rizzoli un garibaldi fu ferito mentre la donna bavosa lancia il suo penultimo antimtvday al suono delle campane a morte…maledetto underground di merda che dio ce ne scampi per il prossimo millenio che per quel can di coda ci sta la fila al sonar ..ziocan sti veneti dai mille colori ,pantaloni alla zuava e scarpe d'aladino  perchè qui le fabbriche ormai chiudono e la gente non ha niente di cui pensare che tanto se ci fosse lui e lui cè nn cambia un cazzo perchè la svolta mica la puoi chieder allo stato:assistenza.merdaaaaaa.ieri ho rivisto basso.eran 15 anni che nn lo vedevo.s'è messo 25 chili e due occhi che paion palle da tante son fuori dall'orbite…mi concentra in un ora un vissuto di 3 lustri  fuga e  corsa a perdifiato ma .iocan te li pigli sti psicofamaci ?stai fori fori di rota hai la psicosi devastante attiva nn puoi lasciar correr ciò che di fatto ti rallenta.Mha. sempre avuto a che fare con i matti .pazzi furiosi matti anche di quelli innocenti quelli a cui accarezzi il viso come a un bambino.ziocan….


(Ed Esortazioni a Bersani, D’Alema, Veltroni, Di Pietro, Casini, Rutelli)
di Gioele Magaldi

 

 

 

 

Caro Fratello Silvio,

mettiamola in questi termini: con questa Lettera Aperta n.1 (ne seguiranno altre, perche la “posta in gioco” è piuttosto complessa e importante) cercherò di aiutare Te a recuperare memoria e consapevolezza degne di un’aspirante statista (sono quasi 20 anni che “aspiri”…) e tenterò di ispirare nei (talora distratti e negligenti) media nazionali qualche nozione più precisa sul tuo percorso esistenziale e politico.
Un’opera utile, spero, a beneficio di storici e cronisti; valida sia per l’”illuminazione” dei contemporanei che per le ricerche/analisi dei posteri, che altrimenti sarebbero irrimediabilmente falsate e mistificate ad Arte.

Non starò a ricordarTi che l’iniziazione massonica – quale tu avesti il privilegio di ottenere direttamente dal Gran Maestro “Emerito” Giordano Gamberini alla fine degli anni settanta, a Roma, alla presenza del Fratello Licio Gelli e di diversi tuoi amici già Fratelli Piduisti – è indelebile, una volta conferita.
Indelebile come ogni ordinazione sacerdotale e misterica.
Non starò a ricordartelo perché tu lo sai bene e lo hai sempre saputo, a partire dalle illuminanti parole usate, durante il rito iniziatico da Lui officiato, da Gamberini in persona.
A partire dai “ripassi” in materia che ebbe a regalarti generosamente il Gran Maestro Armando Corona (1982-1990), durante tutti gli amabili incontri e colloqui che avesti con lui nel corso di molti anni, alla presenza di altri “estimatori” della Via Iniziatica Massonica, come il Presidente Emerito della Repubblica Francesco Cossiga e i tuoi amici Flavio Carboni e Giuseppe Pisanu, per tacere di tanti altri…
Soprattutto, a partire dalle relazioni ancora più significative con certi ambienti del milieu massonico internazionale, maturate dal 1992-93 in poi e di anno in anno sempre più rafforzatesi e perfezionatesi.
Per non parlare delle tue letture e dei tuoi “studi”, sapientemente dissimulati, su tanti aspetti dell’Esoterismo in generale e della Massoneria in particolare. Su questo punto, bisogna dare atto al Presidente Cossiga che egli ha sempre saputo aiutarti e sostenerti nella tua opera dissimulatrice…
In molte famose interviste (su quotidiani o libri), il Presidente Emerito della Repubblica ha sempre minimizzato la tua esperienza libero-muratoria, esprimendosi pressappoco così: “Ma Berlusconi bada al potere e ai soldi…che volete che gliene importa di riti esoterici, dei miti antico-egizi di Iside e Osiride…”.
Eh, no Presidente Cossiga! Al Fratello Silvio importa parecchio dei “riti, dei miti, della magia e delle sette esoteriche”, per non parlare delle componenti “filo-egizie ed ermetiche” della sua Weltanschauung.
Ma su questo ritornerò fra breve.
Caro Fratello Silvio, i miei complimenti per la tua straordinaria capacità da vero “Mago Ermetico” (quasi un novello Prospero shakeasperiano…)…
Il “Velo di Maya” con cui- da anni- hai saputo occultare tanti aspetti della tua personalità è davvero molto ben tessuto; con una “trama“ spessa e resistente…
Ci sono cascati in tanti, soprattutto i più sprovveduti antagonisti del centro-sinistra (politici, opinionisti, editorialisti, giornalisti, vignettisti, autori di satira, etc.), ma anche diversi personaggi “ritenuti indegni di superiori rivelazioni”, all’interno della tua variopinta Corte di satrapi, maggiordomi, camerieri, nani e ballerine… Tutti però-anche se non messi a parte dei segreti della schiera più intima di adepti-innalzati a ruoli istituzionali, in virtù delle tue ben coltivate “doti taumaturgiche”, in grado di innalzare “i poveri di spirito” e di trasformare “la feccia e il piombo in oro”.
Però, adesso che si avvicina il redde rationem con la Storia e con l’Ultima Grande Iniziazione (quella che passa per gli Inferi e per mondi ultra-terreni), mi permetterai di rendere giustizia a taluni tratti alti e nobili del Tuo percorso umano ed esistenziale, liberandoti una volta per tutte da quella sapiente “maschera dissimulatrice”,che pure ti è stata tanto utile nel consolidamento del tuo Potere terreno.
Insomma caro Fratello Silvio, gliele vogliamo svelare o no un po’ di cosucce sul “Berlusconi Occulto” a tutti quei politici, servitori dello Stato, faccendieri e giornalisti che, da qualche tempo, consultano quotidianamente (e persino di ora in ora) il sito www.grandeoriente-democratico.com , in attesa (o nell’aspettativa terrorizzata…) di rivelazioni gustose sul back-office del Potere italiota?
Certo, alcuni politici e uomini di Stato italiani (di destra e di sinistra) plaudono all’ “Operazione Democrazia, Verità e Trasparenza” del mio Gruppo (Grande Oriente Democratico) e i più liberi e indipendenti tra i giornalisti non si sono risparmiati nel raccogliere puntualmente le notizie e le analisi che da Parte Nostra venivano offerte all’opinione pubblica.
Ma da parte della maggioranza degli operatori mediatici, regna ancora, nei riguardi della nostra Operazione, un “silenzio assordante”…
Come mai, persino dopo l’intervista concessa dal sottoscritto al prestigioso settimanale “VANITY FAIR” (per leggerla sul nostro Sito, clicca su: 21 luglio 2010. Intervista del settimanale “VANITY FAIR” a Gioele Magaldi, by Francesco Esposito ) o dopo l’intervista concessa al seguitissimo programma “LA ZANZARA” di Giuseppe Cruciani su Radio 24 (per sentire l’audio dell’intervista su nostro Sito, clicca su 22 luglio 2010. INTERVISTA AUDIO di Gioele Magaldi su RADIO 24 (Radio del SOLE  24 ORE), nessuna agenzia di stampa ha ripreso i contenuti più che meritevoli di approfondimento, trattati in quelle sedi?
Nessuna agenzia di stampa ufficiale e nessun quotidiano, almeno finora.
Solo la preziosissima e insostituibile (se non ci fosse, bisognerebbe inventarla: lode al genio di Roberto D’Agostino) DAGOSPIA ha ripreso l’intervista su VANITY FAIR.
E l’ANSA o l’ADN-KRONOS? Sempre così sollecite nel “notiziare” persino gli starnuti del Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia Gustavo Raffi o qualunque inezia sul conto di Silvio Berlusconi, come mai stavolta non hanno “lanciato” nemmeno una riga di commento?
E’ così aggravato lo stato censorio o auto-censorio del giornalismo italiano?
In questi giorni, fiumi di parole inutili, ridondanti e inconcludenti (sui TG come sulla carta stampata) su comparse, comparsine, aneddoti e cronache tautologiche sui presunti misteri della P3, e quando forse Vi si offre l’occasione di fare “vera luce” e “vera informazione” su quanto è accaduto e sta accadendo a monte di questa ormai famigerata inchiesta, tutti “sordi, ciechi e muti” come le tre scimmiette della tradizione?
No, Caro Fratello Silvio, mi concederai che così proprio non va…
Cerchiamo perciò di squarciare il “Velo di Maya” e di offrire al torpore degli organi di informazione di massa italioti qualche occasione di risveglio dalle mollezze estive (anche all’epoca di Tangentopoli, la “macchina informativa” fu lentissima a mettersi in marcia a pieno ritmo… e lo fece solo quando direttori, redattori, inviati e cronisti si resero conto che i loro Padrini della Prima Repubblica erano ormai prossimi al crollo definitivo… Che bell’esempio di giornalismo libero, coraggioso e indipendente…!!!).
Allora, come promesso, regaliamo qualche “chicca” sul “Berlusconi Occulto”.
Vedrai, Fratello Silvio, che alla fine ci sarai grato per averti “riabilitato” rispetto all’immagine “macchiettistica” che viene offerta di te da certa stampa “filo-kommunista”.
Questa immagine da “pragmatico uomo di potere, super-piazzista fortunato, gaffeur  un po’ grossier, uomo ignorante e un tantino volgare, benché vincente ed efficace, è stata una MASCHERA eccellente con cui dissimulare la tua autentica cifra come Uomo, come Iniziato, come Massone.
Una Maschera che ti è servita fino ad oggi, ma che sarebbe un peccato rimanesse intatta per coloro che dovranno in futuro raccontare la non comune storia della tua vita.
La Storia di un Grande Manipolatore di energie materiali, ma soprattutto spirituali, almeno secondo ciò di cui tu stesso sei convinto e di cui sono convinti gli adepti più intimi del tuo entourage
Perciò, prima di dedicarci alla parte “ammonitoria” e “diffidante” di questa Lettera Aperta, consentimi di offrire al pubblico qualche onesta visione del Silvio Segreto…

  1. Fanno persino sorridere le modalità approssimative e incerte con le quali alcuni giornalisti e/o studiosi hanno infine messo in luce la natura “iniziatica” e “massonica” del complesso di Villa Certosa in Sardegna (Residenza da Te personalmente curata, nella realizzazione, sin nei minimi dettagli) o del Tuo Mausoleo funebre ad Arcore, all’interno di Villa San Martino. Persino l’autorevole Prof. Marcello Fagiolo – che meglio di altri ha spiegato la natura esoterico-massonica del Mausoleo funebre voluto per sé e i suoi più fidi adepti dal Fratello Silvio Berlusconi – non ha dato una lettura ermeneutica esaustiva e completa di questo e di altri complessi architettonici fatti realizzare con convinto piglio da Libero Muratore dall’attuale Presidente del Consiglio italiano. Di una esplicazione compiuta e filologicamente rigorosa delle realizzazioni paesaggistico-architettoniche di significato massonico-iniziatico del Fratello Silvio, ci occuperemo ben presto Noi di Grande Oriente Democratico. Per rendere effettivo omaggio al genio latomistico di questo Fratello, se non altro.
  2. Caro Fratello Silvio, vogliamo “rivelare” alla pubblica opinione i tuoi robusti interessi in fatto di Astrologia? Vogliamo dire che non soltanto hai sempre avuto attorno a te (sedicenti) esperti di questa antica Scienza Iniziatica – consultati ad ogni piè sospinto – ma tu stesso ne sei un appassionato cultore? E diciamolo, via! Mica ti vorrai portare tutti questi segreti nel Mausoleo Massonico…
  3. Vogliamo rivelare che la tua idea di come usare il “mondo delle immagini” (Maya=Magia) per formare, guidare, trasformare, manipolare pulsioni, sentimenti, convinzioni delle masse di “spettatori”, lungi dall’essere una casuale idea di un pragmatico imprenditore si fonda su ben radicate convinzioni di manipolazione spirituale delle energie “lunari” del “popolo”. Magari, in seguito, faremo il nome di qualcuno dei fraterni consulenti che, nel tempo, ti hanno aiutato a diventare forse il più significativo “Grande Fratello” (in senso orwelliano-massonico) nel mondo dei Media… E citeremo le letture e gli studi cui Tu e qualche tuo Fraterno Amico e Adepto vi siete ispirati e continuate ad ispirarvi…
  4. Anticipiamo, una volta per tutte, Caro Fratello Silvio, che la natura reale della tua strategie e delle tue tattiche verso la Presa, la Ri-Presa e la Conservazione del Potere imprenditoriale, mediatico e politico in Italia (dagli anni settanta e fino ad oggi) è stata scandita da rapporti e relazioni con precisi personaggi, cenacoli e logge dell’establishment massonico mondiale. Non sempre ciò è avvenuto come mi sembra sarebbe dovuto avvenire in una Democrazia liberale occidentale e certo non con quella “trasparenza e pubblicità” che si addice ad un aspirante uomo di governo e statista. Qualora si rendesse necessario, su questa vicenda il Gruppo di “Grande Oriente Democratico” si riserva di fare ampia e graduale luce, a beneficio dei cittadini italiani e dell’opinione pubblica europea e mondiale.

 

Dopo aver cominciato a ristabilire la Tua autentica “cifra” di “Grande Fratello” con un invidiabile percorso spirituale e filosofico di schietta natura iniziatica e massonica (altro che “ragazzo coccodè”, come ingenuamente ebbe a chiamarti Eugenio Scalfari e come talora sei riuscito a dissimularti volontariamente, assumendo i connotati innocui e bonari del “barzellettiere brianzolo”) e  dopo averTi restituito alla natura più autentica della Tua straordinaria esperienza esistenziale, non mi negherai certo il (Fraterno) Diritto di rivolgerti-anche a nome del Gruppo “Grande Oriente Democratico” che indegnamente mi pregio di servire- alcune precise “DIFFIDE” e “AMMONIZIONI”.

  1. Intanto, come ben sai (o ti hanno tenuto all’oscuro?), proprio a partire d’oltre Atlantico, dalla Prima Repubblica Democratico-Massonica al mondo, è in atto un ambizioso progetto di rigenerazione e rivoluzione delle dinamiche (invero poco commendevoli) politiche e culturali dominanti nell’era del Figlio del Fratello Bush Senior (2000-2008). Basta con certi intrallazzi profittevoli ma vergognosi e basta con il supporto a regimi politici occidentali che tendano a trasformarsi in “Democrature” stile repubblica delle banane…
  2. Difficilmente potrai apostrofare il sottoscritto Fratello Gioele Magaldi come un tuo “critico-oppositore” di ascendenza/derivazione “comunista”. A differenza di tanti neofiti democratici dell’odierna sinistra italiana (post-comunisti a tutti gli effetti), chi Ti scrive, pur avendo all’epoca un Padre iscritto al PCI (ora approdato a posizioni ben più liberali), sin dai suoi 14 anni e per tutti gli anni di frequentazione al Liceo Tasso di Roma (anni ’80) se davanti alla scuola vedeva i comunisti della FGCI, gli autonomi di Autonomia Operaia e i fascistelli del Fronte della Gioventù solidarizzare insieme indossando la kefiah e berciando contro Israele, volentieri li prendeva tutti a calci nel c… Questo perché il sottoscritto era allora, è adesso e morirà quando sarà l’ora come un convinto socialista liberale e libertario, un democratico, insofferente di tutti i dispotismi e tutti gli autoritarismi, sia quelli di marca fascista che quelli di ispirazione stalinista. Chi Ti scrive questa Lettera Aperta era ed è filo-israeliano senza essere ebreo (il nome “Gioele” sta a testimoniare l’amore disinteressato per la cultura ebraica dei miei genitori, il cognome “Magaldi” ha antiche origini fiorentine, essendo proprio di una famiglia patrizia toscana di Priori del Comune di Firenze e Costruttori di chiese cattoliche, peraltro imparentata con Dante Alighieri, la cui nipote sposò appunto un Magaldi). Chi Ti scrive è “cattolico” senza essere clericale, baciapile e senza puzzare di sacrestia o piegarsi davanti alle ingerenze illiberali e confessionali della Curia e della CEI. Chi ti scrive è filo-amerikano (con il “K”) senza essere indulgente con quei politici o Fratelli statunitensi che hanno tradito gli ideali dei Fratelli Massoni Padri Costituenti diverse volte nel corso del XX  e agli inizi del XXI secolo… Come nel caso dei supporti alle dittature di Pinochet o Videla o alle diverse porcherie sciamannate combinate dal Tuo amico George Bush Junior… Chi Ti scrive è filo-israeliano, senza rinunciare all’idea che, quando la Palestina non sarà più governata dai terroristi di Hamas, sarà auspicabile procedere alla creazione di uno stato palestinese democratico e laico che possa essere indipendente da Israele, mantenendo con esso buone relazioni economiche, diplomatiche e politiche; nella convinzione, anzi, che Turchia (magari non più governata-male-dal Tuo amico Erdogan), Israele e Palestina possano un giorno far parte ufficialmente dell’Unione Europea. Chi Ti scrive, in conclusione, è un Tuo Fratello Massone che non potrai liquidare facilmente come un contestatore prevenuto, animato da odio irragionevole e incapacità di comprendere le tante e belle realizzazioni (ma quali?) che avresti (ma quando e dove?) compiuto da quando sei in Politica (troppi anni, scarsi risultati: gli italiani stanno meglio o peggio di prima, da quando tu sei sceso in campo prima con Forza Italia e poi col PDL? La risposta sincera a questa domanda la conosci benissimo… e al Tuo Fratello Gioele puoi dare solo risposte sincere… ne va del tuo ONORE di INIZIATO…). Fai inoltre sapere al tuo fido collaboratore ALFAN0 di smetterla di raccontare la “frottola” che Tu saresti l’unico politico che non si è arricchito con la politica. Vogliamo fare un Seminario dove spiegare qual’era la situazione economico-finanziaria e debitoria della Fininvest nei primi anni ’90 e come è adesso? Tu, Caro Fratello Silvio, sai benissimo che la tua “discesa in politica” è stato anche un grande affare economico (per TE e NON PER GLI ITALIANI, purtroppo): spiegalo tu al giovanotto che hai reso Ministro della Giustizia, altrimenti glielo spieghiamo Noi pubblicamente e a suon di numeri, fatti e circostanze…
  3. Alla luce di tutto quanto precede, poiché ho saputo che vorresti trascorrere il periodo di agosto in qualche Castello con altri “Cavalieri”, a discutere “fraternamente” di come ri-organizzare il PDL e rilanciare l’azione di governo, non voglio farTi mancare anche il mio CONSIGLIO FRATERNO, in forma di virili diffide e ammonimenti. Ti DIFFIDO dal reiterare, con la nuova stagione, tentativi di approvazione e/o promulgazione di liberticidi e anti-costituzionali atti legislativi. Atti concepiti a personale uso e consumo Tuo e dei Tuoi Cortigiani, atti IPOCRITAMENTE presentati come tutori della libertà dei cittadini, in realtà inconcepibili e impresentabili in qualunque Democrazia dell’Occidente liberale. Mi riferisco ad atti legislativi come il Lodo Alfano, il cosiddetto DDL sulle Intercettazioni e altre “robe simili”… E comunque, sulle tante leggi discutibili (già promulgate durante il tuo malgoverno del Paese, in questi ultimi 16 anni) avrò e avremo modo di parlare in seguito. Peraltro, Ti AVVISO che, come ben presto scoprirai anche a partire dalle Comunicazioni dei lettori/visitatori che andranno on-line fra un paio di giorni sul Sito www.grandeoriente-democratico.com , ci sono ormai alcuni Fratelli Parlamentari PDL ex-Forza Italia pronti a seguire le indicazioni di “Grande Oriente Democratico” e a comportarsi come i “franchi tiratori” della Prima Repubblica. A buon intenditor…
  4. Ti DIFFIDO dal fare affermazioni illiberali e anti-democratiche in merito alla legittimità dell’ esistenza di “correnti” all’interno dei partiti in generale e del PDL in particolare. Come ti permetti di chiamare la tua organizzazione “Popolo delle Libertà” e poi di essere così dispotico, tirannico e liberticida? All’interno di uno Stato Liberale e di diritto i partiti politici sono il sale della DEMOCRAZIA; analogamente, all’interno dei Movimenti o dei Partiti le “correnti” sono la garanzia del pluralismo e della dialettica tra diverse opinioni. O sei in grado di tollerare solo il PENSIERO UNICO, il TUO, per la precisione? Bè, in questo sei perfettamente identico al tuo CARO FRATELLO GUSTAVO RAFFI (illegittimo) GRAN MAESTRO DEL GRANDE ORIENTE D’ITALIA. Non sopportate alcun dissenso o libero pensiero critico, perché il nucleo della vostra natura è profondamente autoritario e illiberale.
  5. Ti DIFFIDO dal non prenderti le tue responsabilità in relazione alla cosiddetta vicenda “P3”. Invece di scaricare le responsabilità sui “Fratelli/Sodali” che hanno agito nel tuo diretto interesse, chiamandoli “4 pensionati sfigati”,mostra un po’ di coraggio e lealtà verso coloro che per Te si sono esposti. Nessuna giustificazione per loro, che sono grandi e vaccinati e ben sapevano (laddove lo abbiano fatto) di violare le leggi dello stato nel loro e nel Tuo interesse, ma appare riprovevole che la gente (da anni) si becchi galera e condanne per servire e proteggere un “CESARE” che non ha il coraggio di prendersi le sue responsabilità davanti alla Legge e alla pubblica opinione.
  6. Ti DIFFIDO dal continuare a tenere sciolti “i tuoi cani-cortigiani” contro il leale, legittimo ma fermo dissenso, all’interno del PDL, portato aventi (doverosamente) dagli Onorevoli Fini, Bocchino, Granata, Buongiorno, Della Vedova, Urso e da tutti gli altri parlamentari che ovviamente non ritengono il centro-destra come COSA TUA, bensì come la rappresentanza democratica e liberale di tanta parte dell’elettorato italiano. TI INVITO, anzi, a promuovere una strutturazione del PDL come un vero partito/movimento democratico: con partecipazione di iscritti ed elettori della base che scelgano i rappresentanti di tutti gli organi interni. O vuoi continuare ad operare come un Faraone o un Imperatore asiatico dell’antichità? E fai presente al MINISTRO LA RUSSA che le “scuse e le auto-critiche” sono cosa che pretendevano soprattutto i Tribunali fascisti e comunisti: se ne vada via lui dal PDL, insieme a Cosentino, Verdini, Dell’Utri, Mantovano, etc., piuttosto che tentare di intimidire i dissidenti come Granata, che hanno solo avuto il coraggio di pensare e parlare liberamente. TI CONSIGLIO anche di smetterla di parlare di “politica politicante”, “teatrino della politica”, “abbasso i professionisti della politica”… Da circa 16 anni, prima in Forza Italia e poi nel PDL i principali “politicanti” sono quelli che hai voluto e scelto direttamente Tu, senza alcuna designazione da parte della base degli elettori. Il “teatrino” lo fai soprattutto Tu, sia in Italia che all’estero, in innumerevoli performances di dubbio gusto, ampiamente irrise dai media internazionali. Anche in questo caso si tratta di “cospiratori kommunisti”? Quanto al “professionismo in politica”, si tratta di un discorso complesso (che riprenderò in seguito), ma forse è venuto il momento di DIRTI che, invece, il massiccio afflusso di persone che fanno altri mestieri (rispetto alla politica) in Parlamento ha creato una serie sterminata di micro-conflitti di interessi. Se uno fa il medico, l’avvocato, il commercialista, il costruttore, il prof. universitario etc., spesso, una volta diventato Onorevole, invece di curare gli interessi della collettività, si occupa di favorire la corporazione cui appartiene se non addirittura il proprio particulare professionale…
  7. Ti DIFFIDO dal perseverare nei tentativi spudorati e ignobili di defenestrare uno dei pochi spazi di libera inchiesta giornalistica italiana: il TEAM di “ANNOZERO” di MICHELE SANTORO, Marco Travaglio incluso (altro che velenose profferte e “distinguo” del Tuo FRATERNO AMICO CONFALONIERI…).A questo proposito, stia in campana anche il Direttore Generale della RAI Mauro Masi e la smetta di fare “mobbing” su Santoro per compiacere TE, GRANDE FRATELLO SILVIO. UN GRANDE FRATELLO dal conflitto di interessi sempre più grave e irrisolto e che ha persino regalato agli italiani – forse per la prima volta nella storia – una perfetta equiparazione in termini di “equilibrio dell’informazione”, tra il prestigioso TG 1 e l’assai meno prestigioso TG 4…
  8. TI INVITO ad occuparti da subito di intelligenti ricette per il rilancio economico del “Sistema Italia”: prima che la crisi non dia vita ad asprissime ripercussioni sociali. Le manovre “lacrime e sangue” e i “tagli” sono buoni a farli tutti. Dal “geniale imprenditore privato” Berlusconi ci si attendeva e attende qualcosa di più… Comunque, anche su questo punto, Noi di Grande Oriente Democratico cercheremo di darti qualche buon suggerimento concreto e preciso se tu e il Ministro Tremonti non sapete “cavare un ragno dal buco”… E poi, per continuare a tenerti in sella nonostante il tuo MAL-GOVERNO, non confidare troppo nell’insipienza, nell’inettitudine, nelle laceranti divisioni e nell’”afasia stitica” attuale del Centro-Sinistra… Tanto più che, come sai benissimo, da provetto ASTROLOGO quale sei, il pianeta SATURNO sta per transitare di nuovo in BILANCIA, al tuo ASCENDENTE, in congiunzione con i tuoi SOLE E MERCURIO natali… Mentre URANO di transito in ARIETE si sta per mettere in opposizione ad essi… Per tacere di altri importanti aspetti planetari incalzanti e disarmonici… Chi lo sa…? Magari, all’improvviso, dalle donne e dagli uomini della sinistra democratica italiana potrebbe venire qualche benefico “colpo di reni”… e qualche rinnovata volontà unitaria.

 

A questo proposito, terminata la LETTERA APERTA n.1 AL FRATELLO SILVIO BERLUSCONI, vorrei rivolgere un’umilissima ESORTAZIONE agli ONOREVOLI BERSANI, D’ALEMA, VELTRONI, DI PIETRO, CASINI e RUTELLI.

A tutti costoro (compreso CASINI, se ha risolto i suoi dubbi amletici) vorrei suggerire, a nome mio e di tanti altri cittadini italiani (massoni e non), di costituire da subito una COALIZIONE che si candidi a governare il Paese nel giorno (vicino o lontano) in cui l’attuale governo Berlusconi fosse sfiduciato in Parlamento o terminasse naturalmente la legislatura. Una COALIZIONE di cui decidere subito, con delle democratiche elezioni primarie capaci di appassionare l’opinione pubblica, sia il LEADER che sarà candidato a Palazzo Chigi tra sei mesi, un anno o nel 2013, sia gli organi direttivi. Questa ESORTAZIONE e questo INVITO valgono anche per Rutelli e per Casini, soprattutto qualora quest’ultimo abbia deciso di fare del suo U.D.C. un partito erede della migliore tradizione laica e non confessionale della Democrazia Cristiana, abbandonando genuflessioni e ammiccamenti anacronistici (che non portano molti voti, a conti fatti) con la Curia Vaticana e la CEI e promuovendo piuttosto i valori tradizionalmente cristiani di solidarietà sociale, moderazione, capacità di mediazione politica tra gli estremismi e senso delle istituzioni.
Se invece Rutelli e soprattutto Casini ritengono di continuare a fare ad vitam  i “pesci in barile” e si crogiolano nel sogno impossibile di un “governo istituzionale di grandi intese” oppure nella fallace speranza che il “problema Berlusconi” si risolva da sé o grazie alla coraggiosa ma impari lotta condotta dai “finiani”, allora “vadano con Dio e buona fortuna”.
In questa seconda ipotesi, siano i principali leaders del Centro-Sinistra citati (Bersani, D’Alema, Veltroni, Di Pietro), di concerto con gli altri dirigenti della stessa area e dei rispettivi partiti, a formare al più presto una COALIZIONE UNITARIA E COMPATTA candidata a battere Berlusconi.
A BERSANI, non in quanto massone, ma come semplice cittadino ed elettore “di sinistra”, vorrei dire che, come Segretario del PD, può esercitare un ruolo organizzativo e di mediazione molto importante e gratificante, anche se lo sconsiglio dal candidarsi come leader della NUOVA COALIZIONE.
A D’ALEMA e VELTRONI (compresi i vari veltroniani-franceschiniani e i vari d’alemiani), vorrei far osservare che quando smetteranno di farsi la “guerra civile” sarà sempre troppo tardi… Abbiate uno scatto d’orgoglio, ciascuno di Voi rinunci a proporsi come leader maximo del PD o della COALIZIONE e aiutate armoniosamente Bersani ad organizzare ed espandere nella società civile il partito e, conseguentemente, il Centro-Sinistra. Preparatevi a fare i ministri o a ricoprire qualche altro importante ruolo istituzionale, ma lasciate che ad affrontare Berlusconi come “punta di diamante” della NUOVA COALIZIONE di CENTRO-SINISTRA sia qualcun altro, più adeguato alla specificità dell’antagonista e più in grado di entusiasmare la maggioranza degli elettori italiani.
A DI PIETRO vorrei fare i complimenti per aver posto con chiarezza il problema di individuare un leader della COALIZIONE da subito, per dargli tempo e modo di essere conosciuto e apprezzato da tutti gli elettori.
A TUTTI i dirigenti del centro-sinistra, come cittadino italiano ed elettore, vorrei raccomandare di abbandonare personalismi, narcisismi ed egoismi. Disuniti si perde e il Paese va in malora, mentre Berlusconi e la sua Corte continuano ad “ingrassare”. Anzi, ci si preoccupi di risarcire e di ri-aggregare anche quel personale politico di sinistra ingiustamente (e stupidamente) escluso dall’accesso al Parlamento nelle ultime (sciagurate) elezioni del 2008.
Personalmente, se debbo dire la mia su quale candidato proporrei/voterei alle eventuali primarie: parlerei di un ticket  NICHI VENDOLA e IGNAZIO MARINO. Come candidati PREMIER (VENDOLA) e VICE-PREMIER (MARINO). Sgombriamo subito il campo dagli equivoci: non si tratta di Fratelli Massoni, ma semplicemente di un “ticket” ben assortito, dotato di adeguato carisma e di una immagine di freschezza e novità unita a solidità intellettuale e politica.
Tornerò/torneremo su questa proposta: ne faremo un “tormentone”, sappiatelo.
E se, in qualità di Massoni di “Grande Oriente Democratico” non esprimeremo mai preferenze partitiche per il centro-sinistra o per il centro-destra, qualcuno di Noi, come cittadino italiano simpatizzante di sinistra, sarà ben lieto di mettersi al servizio di una NUOVA COALIZIONE DI CENTRO-SINISTRA, arrecando il valore aggiunto delle proprie relazioni (non trascurabili) e delle proprie risorse comunicative, organizzative ed intellettuali (ancora meno trascurabili).
Relazioni e risorse che, in tutta Italia, potrebbero fare la differenza in moltissime situazioni locali… e determinare clamorosi capovolgimenti nelle elezioni per il prossimo Parlamento.

Gioele Magaldi

P.S. Che non venga in mente al Fratello Silvio Berlusconi e/o al Fratello Gustavo Raffi e/o a qualche loro scagnozzo o cortigiano di intraprendere azioni improprie e illegali nei riguardi di nessun membro di Grande Oriente Democratico… Primo: non siamo gente che “porge l’altra guancia”; secondo: per ogni “azione” simile c’è il rischio di una reazione dieci volte più incisiva e dolorosa; terzo: credeteci, non ci sono le condizioni internazionali perché vi possiate consentire “certe libertà”. Rischiereste di farvi molto, ma molto male e di screditarvi definitivamente dinanzi a chi vi osserva e vi giudica, con la piena autorità per farlo. E la forza necessaria a sanzionarvi pesantemente.

 

http://www.grandeoriente-democratico.com

Il presidente della Puglia: pronto a sfidare Berlusconi ma prima spariglio i giochi nel centrosinistra

  ROMA — Vuole crescere, Nichi Vendola. Vuole ricostruire un’alleanza che sfidi la destra e, soprattutto, vuole vincere. Obiettivo dichiarato, il posto di Silvio Berlusconi a Palazzo Chigi. Ma prima deve «sparigliare i giochi» nel suo campo, quello di un centrosinistra «asfittico, che non ha saputo interpretare la crisi del mondo, dell’Europa e dell’Italia». E, forse, anche maneggiare con maggiore attenzione le tragedie recenti del nostro Paese, visto l’accostamento a dir poco ardito tra Falcone, Borsellino e Carlo Giuliani. Da Bari il presidente della Puglia suona la sveglia al Pd. Riunisce in un camping sul mare duemila ragazzi e si lancia alla conquista della leadership nazionale. Si candida alle primarie, se e quando saranno. Sfida Bersani e mette agli atti il nome del primo avversario del Cavaliere. Tre giorni di dibattiti, incontri e seminari al villaggio turistico Baia San Giorgio di Bari per gli stati generali delle «fabbriche di Nichi» e adesso l’autocandidatura è ufficiale, «il cantiere dell’alternativa» è aperto. Il leader di Sinistra Ecologia e Libertà si butta in pista con largo anticipo e sfida i Ds, gli amici-nemici che, in primavera, gli scagliarono contro la candidatura dalemiana di Francesco Boccia alle primarie per la corsa regionale. Attacca quella sinistra che non sa declinare la parola «cambiamento» e che coltiva «simpatia per la sconfitta». Chiama a raccolta la sua gente, i suoi giovani e li sprona a «vincere senza avere paura di perdere». E pazienza se, per un attimo, gela la platea accostando le sue «fabbriche» ai meeting riminesi di Comunione e Liberazione. Un piccolo inciampo, nulla al confronto dell’accostamento tra Carlo Giuliani, il giovane attivista no-global ucciso nel 2001 durante gli scontri del G8 e i magistrati massacrati dalla mafia. «Vincere per le donne e gli eroi dei nostri giorni — declina il suo pantheon Vendola — come Falcone, Borsellino e Carlo Giuliani». L’«eroe ragazzino», così lo definisce, ucciso da un carabiniere a Genova, quando «una generazione perse l’innocenza e fece i suoi conti con la morte». Chiunque sarà, il candidato premier del Pd dovrà vedersela con lui. «Le primarie non sono una minaccia per il Pd o per il centrosinistra — avverte, sapendo di toccare un nervo scoperto dei democratici — sono una minaccia per la cattiva politica, sono la riappropriazione da parte di un popolo di scelte fondamentali». E perché proprio lui? «Perché io sono voi quando non sopportate il centrosinistra avendo la speranza di un mondo diverso — risponde rivolto ai ragazzi che lo ascoltano —. E perché a me è accaduto due volte di dover sconfiggere il centrosinistra per sconfiggere il centrodestra». Ce n’è anche per il governo e per la nuova P2. Le «uova di serpente che furono covate da eversori di ogni tipo», le «tentacolari ramificazioni» della mafia dentro «i gangli vitali dello Stato», la «processione di camorristi e massoni deviati che accerchia Palazzo Chigi»… Il centrodestra è in crisi, sfida gli avversari Vendola e si mette in cammino «fuori dal palazzo, lungo le traiettorie delle vie popolari». Ma la soluzione non è un governo tecnico, dice a SkyTg24: «Abbiamo bisogno di liquidare il berlusconismo e di tornare alle urne». Il programma? Bellezza dell’ambiente, pressione fiscale «più equa» e redistribuzione delle risorse. E l’avversario dei sogni? «Gianfranco Fini».
oggi,anzi ieri,era sciopero dei giornalisti.era lo sciopero contro il bavaglio all'informazione ed ero uno sciopero politico.come sempre una parte di questi nn ha aderito forte di appartenenze diverse e di necessità di ritorno economico nonchè di benmotivate ragioni di stato.Lo stato è penoso,trattasi infatti di stampa omologata e giocoforza legata a giochi di potere dove la marketta batte impunemente.Le firme,definizione che suona quasi comica nella sua ovvietà,nn firmano mentre i mezzibusti incrociano braccia e gli opinionisti tacciono ahimè nnpersempre.
Una tregua di un giorno che vede per una volta internet assoluto dominatore.Chi cerca trova e se trova scopre e se scopre il re è nudo oltre che truccato di carte.
Nn vorrei e dovrei apparir causticamente furioso ,dovrei supportare e veicolare messaggi brevi e apparentemente facili :costumi dei tempi.quel che corrono nn sono alla mano.devi munirti di cronagrafo da 20.000 neuroni e concentrarti sui
passaggi e sulle tecniche tattiche.tattile è un senso irrinunciabile,come l'olfatto e il gusto,il sesto è un optional.uno splendido e gratuito.nn lo devi comprare se innato o affinato.il mestiere come il gioco ha le sue regole.ferree sinonimo di indottrinamento ,anarchiche di libertà.Ma nn gioco con i simboli e le contrapposizioni.ognuno ha la sua verità.nn si nasconde e nn la nascondo è come portare la mano alla bocca poi alla tasca e infine infilare il sesso nei pantaloni.
Solo amici condivisi ,con i bad brains bolliti a padova e una serie impressionante di byte da decifrare.Terry Rich ci fa il ditalino,ha il medio lungo e allenato,la tour si erge dal fondo su un tramonto parigino.il padre ne sarebbe orgoglioso ,sarkazzy un pò meno e io menefrego.
Considerata l'ampiezza dell 'intro il corpo centrale dovrebbere essere corposo tipo 4000 battute senza interruzioni e punteggiatura.un ritmo di sangue bollente tipo che se hai la tastiera questa è calda che le tue dita toccano e pigiano e sai che se c'è un corpo il mio corpo ti scalderà.
4000 battute che nel tempo si fanno parola di sconfitta e di soave disimpegno.Light come leggero. è qualcosa che si mette sulle buste che confezionano cibi industriali .se ci metti light fai il pieno di calofobiche e fobici se ci metti la percentuale sei della kraft.
ho conosciuto un socio della kraft ,millantava imprecisate imprese tra l'incuria della curia e transazioni transnazionali.ci si vanta del nulla e si acquista titoli nobiliari.l'araldico sistema cerca una sistemazione.la cultura intesa come industria macina i suoi prodotti.merce alla mercè di chiunque e se ci prendi prendi un botto.saviano miete consensi e denari ma anche detrattori.una foto di lui morto crea dibattito e warholianamente citando l'importante che si sparli e che i milioni di gomorra sono milioni-Ho accanto a me fra metallo e Vogue in persona.tipo piace a molte persone a cui piace cr(A)ss piacciono i brains.condivido fb con un numero sempre maggiore di amici e uso i suoi semplici strumenti d'invito per iniziare a mettermi in contatto con loro.
condivido.ecco un punto.

NN so perchè si rimanga soli.nn credo di saperlo e questo lo so che è sempre importante riconoscere la propria ignoranza.Sono rimasto solo .qui dico.e per qui intendo questo spazio che va riempito.I compagni di merenda e di prometeica natura sono persi
nei gangli del vivere e io,che di fatto ne sono prolungamento virtuale nonchè assistente e assistito ne devo tessere lodi e sperticate critiche.
Ambè sono solo e devo pur spingere il carro cingolato con i fiori nel cannone e lo devo fare nel mio stile che nn è uno stile ma una certezza:
nn mollerò mai nemmeno quando il respiro da corto diverrà mortale.Nn mollerò mai perchè se il vento spazza le ragioni e le stagioni io sarò
sarò bestia di angelica sembianza e demone calvo .
Sbancor è morto e nn doveva morire.tessere le lodi a un pluricravattato costa e consta vilipendio alla religione.Le analisi con veggenza puzzano di miracoloso
e i miracoli nn esistono nella loro natura materica.esistono le ipotesi .La religione trova il suo calvario nella produzione di ricchezza priva di scrupoli.la morale antica
fortemente acclarata da fatti e misfatti va a puttane sconfitta dall'evoluzione degli usi e dei costumi.Globolizzando e neolocalizzando sistemi e pensieri si costruisce il
pensiero unico contrastato da teoremi cospiratori e inibitori per la resistenza.Il cifrario come la spericolata anarchia concettuale rende incomprensibile ciò che dico.Ma c'è una ragione: ciò che scrivo nn è contemporaneo e rivolto a noi.
Sto scrivendo nel 2.310. e ci sarò una ragione.
Un invito pressante è di rendere chiaro ciò che è scuro di natura.Un tocco di ritocco e rifai un maquillage.Ieri avevo le pezze al culo che valevano milioni.
su questo ci starà bene una riflessione.